Taormina Arte musica teatro danza

DON GIOVANNI

Prima data: 03/08/2006 - Ora: 21.30
Replica: 05/08/2006
Location: Teatro Antico

DON GIOVANNI di W. A. Mozart
ORCHESTRA E CORO FILARMONICO DI PALERMO
ONOFRIO CLAUDIO GALLINA direttore
Don Giovanni GIOVANNI MAZZEI
Leporello NICOLA ALAIMO
Donna Anna ALESSANDRA MEOZZI
Donna Elvira ALESSANDRA RAPONI/YUKA NAKAO
Don Ottavio DOMENICO GHEGGHI/NICOLA PISANIELLO
Masetto FERNANDO ALVAREZ
Zerlina AUDE PRIYA ENGEL
Commendatore EMIL ZHELEV
regia di SIMONE ALAJMO
Scene e costumi ROBERTO LO SCIUTO
Datore luci BRUNO CIULLI
Aiuto regista MAURA IPPOLITI
Direttore di scena ROBERTO SPICUZZA
Maestro collaboratore PINA CONI
Il “Don Giovanni” è un'opera lirica, la seconda delle tre opere italiane che Wolfgang Amadeus Mozart compose su libretto di Lorenzo Da Ponte, dopo Le nozze di Figaro (K 492) e prima di Così fan tutte (K 588). L'opera, il cui titolo originale è "Il dissoluto punito ossia Don Giovanni”, venne composta tra il marzo e l'ottobre del 1787, quando Mozart aveva 31 anni. I personaggi, e le relative voci, nella partitura originale - anche se sarebbe più corretto parlare delle partiture - sono i seguenti: Donna Anna (Ornella Pratesi), Donna Elvira (Alessandra Raponi/Yuka Nakao), Zerlina (Aude Priya Engel), Don Ottavio (Domenico Ghegghi/Nicola Pisaniello), Il Commendatore (Emil Zhelev), Don Giovanni (Giovanni Mazzei), Leporello (Nicola Alaimo) Masetto (Fernando Alvarez). Solo successivamente Don Giovanni verrà interpretato da cantanti con voce da baritono. La prima rappresentazione venne inscenata a Praga nel 1787. “Don Giovanni “ è stato definito dalla critica un “dramma giocoso”. Sono raffigurate figure comiche o dal contorno quasi bucolico (i contadini) ma c'è tra queste e le figure drammatiche una forte commistione che fa prevalere le seconde, portatrici di forti valori morali ed etici da trasmettere al pubblico.
Il capolavoro mozartiano sarà accompagnato a Taormina dall’Orchestra Filarmonica di Palermo e dal Coro Filarmonico di Palermo; maestro concertatore e direttore d’orchestra sarà Onofrio Claudio Gallina.
Il Don Giovanni, al di là della vicenda, piuttosto abusata, del seduttore e ingannatore senza scrupoli, rappresenta, dal punto di vista musicale, uno dei massimi capolavori mai scritti nella storia della musica. Si riflette in esso tutto il genio mozartiano nei diversi stili e le modalità compositive, nonché quel '700 musicale giunto, ormai, all'apice del suo fulgore, alle porte del Romanticismo. L'organico del Don Giovanni prevede: 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, 3 tromboni, 2 timpani e un mandolino; violini primi e secondi, viole, violoncelli, contrabbassi. Il Don Giovanni si compone di una Ouverture – primo atto - col classico, tragico, inizio in re minore, la stessa tonalità del Requiem, alla quale segue una Introduzione, un duetto ed, ancora, in vario ordine, 8 arie, un duettino (il celebre "Là ci darem la mano" cantato da Don Giovanni e Zerlina), quindi un quartetto, con un finale articolato in tre parti. Sempre nel primo atto c'è una parte cantata dal coro, il tutto inframmezzato dai consueti Recitativi. Il secondo atto si apre con un duetto, segue un terzetto, quindi la "Canzonetta" ("Deh vieni alla finestra" cantata da Don Giovanni). Vi sono, inoltre, altre tre arie, un sestetto ed il Finale articolato in due parti.

Cast:

Sito Web:


TaorminaArte® è un marchio registrato. Tutti i diritti sono riservati. Taormina Arte - Corso Umberto 19 - 98039 Taormina (Me)
Tel. +39 0942 21142 - Fax +39 0942 23348 Email: info@taormina-arte.com - PI 01247610833
Sito ospitato e realizzato da Taonet S.r.l.